Casino Online Legali AAMS
 
L'amministarzione autonoma dei monopoli di stato ha scelto tutti i casino online seguendo i criteri di sicurezza ed affidabilità. Grazie hai casino online legali aams è possibile giocare d'azzardo con giochi come slot machine e video poekr in maniera affidabile e sicura. Solo i casino online con licenza aams offrono ricchi bonus e tantissimo divertimento. Tutti i giochi di casino che trovi all'interno delle loro sale sono certificati, sicuri e legali, cosa aspetti dunque? Gioca subito con i casinò legali italiani con certificazione aams.
Come giocare al casino
 
I modi per giocare con i casinò su internet sono due, uno per divertimento ed uno con soldi veri. Scegli la modalità con la quale vuoi giocare d'azzardo e poi seleziona il tuo casino online preferito per iniziare a giocare. Giocando con soldi veri nei casino online ci si diverte di più e si vincono premi reali in denaro.

Le città italiane hanno bisogno del gioco d’azzardo

Mentre chi ama il gioco continua a lamentarsi di come il settore viene trattato dal Governo centrale che perdura nella chiusura delle sue attività, sia le sue imprese ed i suoi operatori che gli Enti Locali stanno pensando al momento della futura riapertura di tutta l’industria del gioco. Le imprese nello sfruttare l’inoperosità cui sono costrette a sopravvivere studiano e cercano di creare nuove strategie appunto per la ripartenza delle varie attività, mentre le Amministrazioni locali riflettono su quanto desiderano che il mondo dei giochi, compresi tutti i migliori casino online, predisponga per offrire i suoi prodotti in totale sicurezza, sia per le stesse imprese, per i lavoratori e special modo per il nuovo popolo di giocatori. Sicuramente, quest’ultimo sarà felice di ritrovarsi il gioco terrestre finalmente disponibile, considerato che in questi lunghissimi mesi di emergenza ha dovuto forzatamente convivere con il gioco online, che non è gradito a tutti, oppure con il gioco illegale anche a volte “sottoponendosi ai rischi” che questo racchiude, ma essendo assolutamente consapevole di questo: almeno nella stragrande maggioranza.

Quindi, mentre si aspetta di rientrare in una quotidiana normalità il più presto possibile e di riaprire e restare sopratutto aperti per lungo tempo senza altri lockdown da temere, il settore ludico fa comunque dei progetti sul futuro del gioco per essere in condizione di recuperare almeno in parte le perdite pesantissime che il 2020 ha causato e non solo, come si ripete speso, al mondo dei giochi ma a tutti i settori, ma bensì anche ai cittadini. Si può dire, quindi, che si cerca di preparare il territorio al rientro del gioco pubblico e delle sue offerte e proprio per questo suo “rientro” le diverse Amministrazioni si stanno attivando e cercando di programmare cosa vorrebbero che il settore mettesse in pratica al momento della rinascita dell’economia ed alla ripartenza delle attività ludiche. Bologna, per esempio, cosciente che per tutto il 2021 vi sarà ancora pericolo per i contagi ribadisce che l’attenzione deve rimanere altissima e che, quindi, la riapertura delle sale da gioco dovrà avvenire con estrema attenzione rispettando tutti i protocolli.

Questa città è da tempo in prima linea per il contrasto al gioco problematico ed ha messo in campo diverse iniziative di sensibilizzazione ed anche iniziative a livello politico: anche naturalmente norme restrittive sugli orari di accensione degli apparecchi da intrattenimento, sino al distanziometro dai luoghi sensibili, nonché iniziative d’accordo con vari esercenti ed operatori sociali e sanitari per arginare appunto il gioco patologico che in quel territorio è “troppo presente”. Ma la città non può, per onestà, sottacere le mancate risorse non ricevute dal settore del gioco cui nella pandemìa sono state imposte più chiusure, anche immotivate si potrebbe dire, di qualsiasi altro settore e risorse che, invece, diversamente sono state incassate da altri comparti forse ritenuti più “meritevoli”. Il gioco, invece, quando gli ha ricevuti ha percepito soltanto ristori irrisori. E bisogna anche aggiungere che le imprese di gioco sono state le ultime a riaprire dopo il lockdown primaverile e le prime ad abbassare le saracinesche in quello autunnale, tanto per non farlo dimenticare.

La città di Bologna ha anche considerato il tema dell’occupazione legato al comparto ludico, sviluppato anche dai portali italiani di poker online,  argomento che non si può certo scordare e per questo è stato aperto un dialogo con alcuni proprietari delle sale da gioco proprio per affrontare le difficoltà del momento attuale. Sarà presente anche la tematica del gioco online che nei mesi di lockdown ha subito una evoluzione forse inaspettata nei numeri, come anche una pianificazione per strategie mirate alla prevenzione ed alla sensibilizzazione del gioco responsabile che vadano a coinvolgere cittadini e studenti, senza evitare di affrontare il problema del gioco illegale di grande interesse per la criminalità organizzata che per il gioco d’azzardo ha un’attrattiva particolare. Anche Roma affronta il tema del gioco pubblico: ma si è certi che nonostante i colpi pesantissimi a livello economico che la pandemìa ha inflittto a questo comparto, l’Amministratore locale non tornerà sui suoi passi e non cambierà la sua opposizione forte nei confronti del gioco.

Roma, infatti, continuerà nella disciplina improntata nei confronti degli apparecchi Slot e Vlt installati presso le sale dedicate e gli esercizi commerciali che svolgono altre attività prevalenti rispetto a quella del gioco. Per quello che riguarda il periodo emergenziale e la tutela dei giocatori si dovrebbe provvedere all’installazione nei punti di gioco di pannelli di separazione od il distanziamento degli apparecchi, così come si dovrà fare estrema attenzione da parte dei gestori che non si creino assolutamente assembramenti nei locali. É parere sia di Roma che di altre Amministrazioni che a questo punto sarebbe davvero indispensabile avere una regolamentazione omogenea su tutto il territorio nazionale ed avere il famoso riordino di tutto il settore sarebbe davvero l’ottimale. Le stesse Amministrazioni si sono accorte che avere discipline diverse per i vari territori è veramente controproducente e senz’altro scorretto: se vi fosse uniformità sarebbe più semplice seguire una sola normativa, una sola Legge valevole per tutti e questo renderebbe più semplice i controlli da parte delle Forze dell’Ordine.

Invece, cosa prospetta al gioco la città di Napoli? Contrariamente al passato, l’attuale Amministrazione propone un deciso cambio di rotta nella gestione del gioco pubblico, caldeggiando la riapertura delle sue attività possibilmente con una regolamentazione nazionale del settore con normative generali comuni, con poteri di intervento da parte dei Sindaci. Oltre a tutelare il gioco pubblico che rappresenta la legalità sul territorio della quale vi è assoluta necessità, l’Amministrazione intende assolutamente intensificare il contrasto al gioco clandestino che oggi appare ancora più rafforzato dalla pandemìa. Poi, per quello che riguarda le misure di contrasto al virus, alla ripartenza delle attività si dovrà provvedere alla sanificazione dei locali ed evitata senz’altro la presenza di gruppi numerosi, contingentando la presenza con la prenotazione per accedere alle attività di gioco. Infine, la città di Napoli risente della necessità di ridurre il numero dei punti di gioco in modo che possano essere più controllati ed anche più efficienti.

Posted in |

Il gioco d’azzardo italiano vuole ripartire in pompa magna

Che questa settimana sia importante a livello decisionale per l’intero Paese è fuori di dubbio: sta per essere emesso un nuovo Dpcm, effettivo dal 16 gennaio prossimo, che dovrà proporre ed imporre i ritmi delle nostre vite per la seconda parte del mese con restrizioni ulteriori, nuovi sistemi di attribuzione alle varie “colorazioni” dei territori, ma purtroppo non con cambi di valutazione relativamente alla categoria di rischio contagi imputabile ai vari settori. Purtroppo, per quest’ultimo argomento non è cambiato nulla in quasi un anno ed il gioco pubblico, riassunto bene nella guida casino online, e tutte le sue imprese, viene sempre indicato come di rischio medio/alto: cosa che ha portato, come ben si sa, alla conseguenza della chiusura totale di tutti i segmenti del gioco con le ripercussioni economiche, a cascata, sulle varie aziende che hanno deciso di scendere in piazza per far sentire ancora una volta le proprie ragioni, sperando con questa occasione, di essere ascoltate. L’attuale manifestazione che il mondo del gioco vuole organizzare è “tutta rosa”, al femminile, quindi.

Sopratutto per sottolineare che anche le lavoratrici di questo comparto hanno tantissime difficoltà, forse più che in altri settori dove, in ogni caso, la presenza maschile è senza dubbio privilegiata. Dunque, non solo il settore del gioco pubblico subisce attacchi e discriminazioni in relazione ad altri comparti commerciali e di servizi, ma addirittura le sue lavoratrici hanno vita ancor più difficile che in qualsiasi altro settore poiché il gioco d’azzardo, senza dubbio, ha la nomea di essere comparto “difficile e scomodo”. Si può dire che le donne che lavorano quotidianamente (anzi, che lavoravano, visto che le aziende ludiche sono chiuse da più di sei mesi) nell’industria del gaming si trovano in una situazione lavorativa straordinaria, in un comparto evidentemente sottoposto a continue discriminazioni in generale dove non è necessario distinguere se chi vi lavora sia donna od uomo: la discriminazione è perennemente presente e nel caso “rosa” si moltiplica e diventa insostenibile.

Proprio per questo le lavoratrici del settore ludico hanno scelto di scendere in piazza per manifestare “in rosa”, visto oltre tutto che questo è il periodo delle “colorazioni” del nostro Paese se si passa la battuta, in difesa del gioco pubblico fonte da tanto tempo di sostegno per le proprie famiglie, sperando di attirare l’attenzione della politica sul comparto ludico. Quindi, “il gioco in rosa”, accompagnato dall’Associazione Emi Rebus e supportato dall’intera filiera, vuole anch’esso sottolineare la questione sempre più penalizzante della tassazione del gioco, ma special modo quella conseguente ai provvedimenti assunti dalla Presidenza del Consiglio che continuano a tenere le attività ludiche chiuse. E, purtroppo, non si riesce a percepire una via d’uscita per eliminare questa situazione che si teme si protrarrà, se va bene, sino a febbraio: senza dubbio la situazione attuale della curva epidemiologica non lascia aperta, per le attività del gioco, alcuna possibile alternativa.

Ma la situazione è tale che tante imprese non riusciranno a farvi fronte perché le riserve economiche degli operatori sono svanite durante tutto il 2020, anno che è stato portatore di disagi e tracolli di tanti punti di gioco e, di conseguenza, di tanti licenziamenti. Questa protesta potrebbe persino non essere l’unica di questo primo mese del 2021 da parte del settore dei giochi, ma è quella che apre questo nuovo anno che dovrebbe portare l’esito sulle aspettative intense sia del comparto ludico che del nostro Paese. Infatti, in questa settimana si deciderà un Dpcm nuovo che chiarirà chi dopo il 16 gennaio potrà aprire e chi no, chi potrà quindi rialzare la testa e chi invece dovrà “giacere” in attesa di spirare l’ultimo respiro, oppure se tutta l’industria, gioco compreso, dovrà fermarsi di nuovo per un lockdown generale, come si sta concretizzando in altri Paesi spinti anch’essi dal continuo espandersi della pandemìa che ovunque sta trascinando con sé progetti, attività, vittime, economie.

In questa settimana si deciderà anche di protrarre lo stato di emergenza nazionale almeno per l’intera metà di questo nuovo 2021 con tutte le conseguenze che anche tale decisione porterà con sé, rappresentando uno scenario generale che gli imprenditori mai avrebbero voluto vedere e che, senza dubbio, temono molto anche per i propri lavoratori. Per quello che espressamente riguarda il mondo dei giochi e dei gratta e vinci vincenti, però, c’è uno spiraglio di speranza: si sta attendendo la pronuncia del TAR del Lazio, che dovrebbe avvenire il 13 gennaio, relativa ai ricorsi presentati da alcuni operatori del comparto del gioco proprio rispetto all’espressa continuata discriminazione applicata al settore ludico rispetto ad altre attività, forse più a rischio. Con i Giudici che alla presentazione di tali ricorsi, per avere una documentazione esaustiva, avevano richiesto all’Esecutivo l’esibizione dei rapporti del CTS che avevano convinto il Premier all’adozione di misure così assolutamente restrittive.

Ma documentazione che non era stata presentata e così non veniva giustificata praticamente l’imposizione della così lunga ed insopportabile chiusura di tutto il comparto ludico, decisa senza alcun approfondimento. É evidente che questo parere dei Giudici del TAR è destinato ad assumersi il ruolo di futuro protagonista sul tema delle riaperture del gioco pubblico non fosse altro per le ripercussioni politiche che potrebbe provocare. Senz’altro potrebbe invitare l’Esecutivo a qualche migliore riflessione e magari ad un cambio di indirizzo nei confronti della valutazione del rischio “affibbiato” da sempre al settore ludico, facendo valutare anche la sua importanza a livello economico per le casse erariali, qualora le attività venissero aperte pur con tutti i protocolli sanitari restrittivi del caso. E così si spererebbe finalmente di ottenere quel “cambio di marcia” nei confronti della rappresentanza del mondo del gioco che si abbraccia a ciò che si vuole ottenere tramite la anticipata manifestazione “del gioco rosa” davanti a Montecitorio.

Posted in |

I casino online italiano stanno faticando

E’ triste fare questa constatazione, ma forse ora che è notoriamente calata la raccolta del gioco e di conseguenza il nostro Erario ha notato “qualcosa che è venuto meno” si prenderà qualche iniziativa. Non è bastato che tutto il comparto del gioco legale continuasse a sollecitare l’intervento del Governo e che facesse presente che l’illegalità aveva fatto “sentire la sua presenza”…. bisognava che l’Erario “ci sbattesse il muso” e così è stato: dopo ben tredici anni è tornata a far capolino sul territorio l’offerta illegale. C’era da aspettarselo comunque dato che il settore del gioco legale è stato “assaltato e preso di mira” da tutte le parti: i concessionari si devono “tenere a galla” barcamenandosi tra il nostro Erario, la tutela del consumatore ed il rispetto del territorio (e qui ultimamente le Amministrazioni hanno tentato il tutto per tutto per far scomparire il settore). Senza dimenticare che il gioco legale è il settore tra i più controllati e soggetto a normative “strettissime”.

E’ quasi inutile evidenziare che l’illegalità, non avendo né tasse, né restrizioni, né normative alle quali attenersi può offrire al giocatore “qualcosa di più”: non ha importanza in questo caso la tutela, la serietà e la professionalità che il gioco legale “mette sul piatto”. Ora siamo certi che lo Stato ed il nostro Erario si stiano allarmando di questo “forte calo nella raccolta” e che quindi, finalmente, questa “montagna” di dotte menti “partorirà” qualcosa…. basta che dopo tutta questa attesa non sia un…. “topolino”!!

Posted in |

Le slot machine ed il gioco d’azzardo sanato in italia

Il Governo, per quanto riguarda la famosa “sanatoria slot” per le ammende comminate ai Concessionari del settore si è molto impegnato per proporre appunto ai Concessionari condizioni favorevoli e scontatissime per provvedere all’incasso di almeno 600 milioni di euro in modo che cessasse il contenzioso e che gli operatori optassero per sanare la situazione nell’immediato senza attendere l’iter processuale ed incamerare “un bel gruzzolo”. Deve essere andato qualcosa storto in generale ed anche nel settore del gioco poiché il Ministro dell’Economia, Fabrizio Saccomanni, ha firmato il decreto ministeriale che fa scattare la clausola di salvaguardia posta a “garanzia” dell’incasso per cancellare la prima rata IMU. Il Ministero del Tesoro quindi è dovuto “correre ai ripari” con i soliti aumenti Ires-Irap ed aumento del Preu per quando riguarda i giochi e con l’aumento dal 2015 delle accise su gas, energia elettrica e bevande alcooliche, non è stata toccata invece la benzina.

L’ipotesi di un aumento del Preu sugli apparecchi da intrattenimento -comprese le famosissime slot machine- da un punto di vista politico fa veramente sorridere ed invece da un punto di vista economico fa tremare gli operatori del gioco: i nostri politici dovrebbero riflettere bene su questo aumento, valutando attentamente quanto il mondo del gioco d’azzardo ha già dato allo Stato e quanto potrebbe dare, rendendosi conto che agire in modo assolutamente avventato nei confronti di questo settore, determinerà prima o poi la sua scomparsa con tutti gli strascichi che questa comporterà: riconsegna del comparto all’illegalità inclusa.

 

Posted in |

Il gioco d’azzardo dell’ippica passa un brutto periodo

Un tempo, non tantissimo tempo fa, l’ippica era sinonimo solo di eleganza, di “alto ceto”, di bellezza e classe, ed in Italia era indubbiamente una “eccellenza” che ci faceva invidiare da tutto il resto dell’Europa richiamando nelle più rinomate corse e tornei le più “belle e ricche” persone facenti parte del jet set. Ora invece questo settore soffre in ogni sua parte: gli ippodromi chiudono, le manifestazioni di conseguenza vanno a sparire, il richiamo degli eventi non desta più scalpore in alcun stato sociale chi le fa le spese sono solo ed unicamente loro, i cavalli. Anche e sopratutto chi li cura -da un punto di vista medico- quindi i veterinari sono anch’essi sul piede di guerra non riuscendo a percepire il “dovuto” dall’anno scorso. Tutti i controlli che dovrebbero essere fatti sui nostri amici cavalli per farli star bene, controlli antidoping per coloro che ancora partecipano a corse, interventi medici di tutti i tipi non vengono saldati ed i veterinari di settore chiedono sostegno a tutta la categoria in generale affinchè si sensibilizzi alla problematica loro che sta diventando insormontabile e non più sostenibile. I compensi sono fermi dal 2012 e di quelli del 2013 non se ne parla: Mipaaf non riesce a tutelare i suoi iscritti ed i veterinari saranno tra breve costretti ad astenersi completamente dal loro operato perchè ormai gli esborsi da loro sostenuti sono divenuti insostenibili e non più gestibili.
Perchè tutto questo? Nell’era dell’informatica spinta all’eccesso sembra che non si riesca ad organizzare il conteggio -meramente contabile- di quanto e chi ha avuto esborsi e deve averne il “ristoro”, di chi e quando un veterinario sia intervenuto e di quanto abbia diritto ad avere di rimborso… Sembra veramente assurdo e di vivere in un’altra dimensione, ma quella della mancata considerazione di un settore che va sempre più verso la propria fine!

Posted in |

Discussione sulle newslot e su tutti i casino online italiani

Tra il 2004 ed il 2007 vi furono enormi ritardi per l’allestimento della rete delle newslot e quindi la Sezione Lazio della Corte dei Conti ha condannato le dieci Concessionario delle newslot a pagare circa 2,5 miliardi con una maxi sanzione appunto per i ritardi nell’allestimento. Su tali penali le fonti istituzionali fanno trapelare che l’udienza di appello sarà stabilita nella primavera del 2014 in merito all’appello ma non sono precisi sulla data che non è stata quindi ancora definita. In primo grado alcuni dirigenti di allora dei Monopoli di Stato furono condannati con sanzioni salatissime per alcuni milioni.

L’esito degli appelli sulle questioni pregiudiziali e sulla sentenza-ordinanza del novembre 2010 sarà come una bilancia per la trattazione dell’udienza di merito. Con questa sentenza-ordinanza la Sogei è stata chiamata in causa dalla Corte in quanto partner di AAMS ed ha disposto per entrare nella responsabilità dei progetti della rete e per valutare la responsabilità dei soggetti coinvolti una consulenza tecnica d’ufficio per cercare di risolvere queste questioni (il tutto verrà discusso nell’udienza del prossimo 20 novembre): ovviamente il merito non sarebbe discusso nel caso in cui la Corte di Appello accogliesse uno di questi appelli.

La complessità della materia non potrà dipanarsi in un’unica udienza e quindi la trattazione del merito proseguirà per altre udienze. A complicare la situazione ha provveduto anche la Procura Regionale in primo grado quando aveva proposto alcuni sistemi per calcolare le sanzioni da applicare arrivando a chiedere un importo di circa 90 miliardi di euro.

Posted in |

Come giocare nel casino online di vegas red

Il momento perfetto per giocare con una serie molto ampia di giochi di primo livello dalle grafiche ottimali e dai suoni incredibilmente reali. La licenza AAMS per offrire la sicurezza di tutta la piattaforma e l’onestà dei payout dei molti giochi offerti. Preparatevi ad un’avventura piena di colori e suoni che vi consentirà di giocare ai tavoli migliori online in ogni situazione.

Sono moltissimi i giochi a vostra disposizione e non avrete che l’imbarazzo della scelta tra i molti tavoli ai quali sedervi. Che amiate giochi tradizionali come poker e blackjack, roulette e baccarat o invece amiate video poker e giochi più moderni, le scelte saranno sempre moltissime e aumenteranno con il passare del tempo, visto che la piattaforma è sempre aggiornata in modo costante.

I giocatori moderni sono sempre attratti dalle promozioni che sono messe a disposizione dalle piattaforme e ovviamente anche su Vegas Red Casino il bonus fino a 888 euro è a disposizione di tutti gli utenti ed è il modo perfetto per iniziare la vostra avventura ai tavoli di questo sito. Se ancora non avete dato un’occhiata alle promozioni è il momento adatto di farlo.

Una piattaforma offre quello che un giocatore necessita. Semplicità di utilizzo, varietà di giochi e ottimo flusso di giocatori. La sicurezza della licenza AAMS vi consentirà di giocare in piena tranquillità in ogni momento e vi accorgerete dunque di come sia facile trasferire e ritirare denaro da questo sito. Un’assistenza ai clienti vi aiuterà per ogni problematica che potrebbe sorgere.

Posted in |

Con lucky click casino online si gioca in grande

Giocare contro la fortuna è da sempre una grande sfida che moltissimi giocatori amano e proprio per questo una piattaforma come luckyclick.it sembra creata appositamente per soddisfare le necessità di tutti questi giocatori. Un mondo di emozioni che si susseguono giorno dopo giorno e che non si fermano per nessuna ragione.

Giochi

Un sito come luckyclick.it vi mette a disposizione moltissime possibilità e tra questa troviamo moltissime slot machine online sempre più diffuse, ovviamente molte roulette, tavoli di blackjack e baccarat e molto altro ancora. Non importa quale sia la vostra passione, grazie a questo sito sarete sempre nel centro dell’azione in ogni singolo momento di gioco.

Bonus

Il casinò vi offre un bonus di benvenuto del 100% con un massimo di 150 euro. Insomma un’offerta molto interessante che non molti altri casinò vi mettono a disposizione. Il playthrough per poter redimere questo bonus è di 30X quindi dovrete giocare 30 volte la somma del vostro deposito per poter avere accesso al vostro bonus per intero e tutto questo nel tempo previsto dai termini.

Le cose migliori

Un sito come questo vi offre tutto quello che stavate cercando da un casinò online. La completa sicurezza di una piattaforma AAMS, la grande varietà di giochi di qualità eccelsa, un supporto al cliente pronto e sempre attivo, payout certificati e molto alti ed ovviamente una grande atmosfera nella quale immergervi per godere al meglio di tutti i prodotti offerti.

Posted in |

32red casino online per divertirsi a giocare d’azzardo

Giocare online può essere un’esperienza di grande livello se si sceglie il giusto sito nel quale viverla. La scelta di un brand come 32redcasino.it può senza dubbio essere considerata adeguata ed il grande successo di pubblico del sito conferma questa idea. Un brand nuovo dinamico ed in grande crescita che piace ai nuovi giocatori come a quelli con già esperienza.

Gioco online e divertimento sono due parole che vanno di pari passo e proprio per questo 32redcasino.it offre a tutti i suoi utenti tantissimi giochi tra i quali scegliere per passare il loro tempo nel modo che meglio credono. Un’ampia selezione di giochi classici con l’inserimento di giochi più moderni e dinamici.

Tra i molti bonus che troverete in Italia se farete una ricerca online tra i migliori casinò online, quello che vi offre 32redcasino.it è senza dubbio tra i più interessanti per iniziare a giocare su di una piattaforma di un certo livello e completamente sicura come questa. Si tratta di 32 euro che vi verranno offerti per ogni 10 euro di denaro che depositerete sul vostro conto di gioco.

Un sito come 32red offre a tutti i giocatori la completa sicurezza di una licenza AAMS per il gioco in Rete a questo aggiunge un’ampia gamma di giochi con i quali intrattenervi, si tratta di circa 100 prodotti, un servizio di assistenza sempre disponibile, cordiale e professionale ed un client ottimale per godere di un’esperienza di gioco completa e sicura.

Posted in |

Mybet casino online per giocare su internet

Se siete alla ricerca di un sito nel quale divertirvi giocando con i vostri giochi preferiti avete trovare Mybet Casino e vi dovrete ritenere molto fortunati. Un sito certificato AAMS che mette a vostra disposizione una serie incredibile di giochi di qualità eccelsa. Molta scelta e molti bonus per permettervi di sfruttare al meglio ogni singolo momento su questa piattaforma di gioco.

Se amate il poker ed il blackjack, i tavoli da baccarat o quelli da roulette, se amate i dadi o se semplicemente volete sfidare la sorte con una varietà discreta di giochi divertenti ecco che Mybet Casino vi mette a disposizione la sua piattaforma di gioco perfetta per ogni situazione. Preparatevi ad entrare in mondo dedicato completamente al gioco online puro e crudo.

Grazie alla grande varietà di bonus che sono offerti su Mybet Casino ogni tipo di giocatore potrà trovare quello che meglio si addice alle sue necessità. Non perdete il bonus senza deposito di 20 euro poi il bonus sul primo deposito che può arrivare fino a 250 euro ed ovviamente anche il bonus rakeback che vi farà vincer denaro semplicemente perché giocherete sul sito acquisendo punti.

I molti bonus presenti sul sito sono il suo marchio di fabbrica. Mybet Casino è diventato subito famoso in Italia proprio per questo. Non è però la sola cosa buona del sito. Infatti avrete moltissimi giochi a disposizione oltre al classico supporto al cliente che vi risolverà ogni dubbio nel minor tempo possibile. Per essere sicuri di giocare in modo sicuro la licenza AAMS acquista dal sito è un must.

Posted in |